Che cos'è dbRelief

Datamaze
06.08.20 11:02 AM Comment(s)

Nel contesto di tantissimi strumenti per il monitoraggio e procedure per l’Health Check che abbiamo già visto, nasce l’idea di sviluppare uno strumento che porti con sé il meglio delle due soluzioni. Si tratta quindi­­ di un servizio che vuole essere complementare e non sostitutivo dell’esistente: ecco dbRelief.

 


I controlli effettuati

Questo strumento si propone di effettuare una fotografia giornaliera delle istanze monitorate al fine di raccogliere tutta una serie di parametri (più di cento) nell'ambito della configurazione, della sicurezza, del rispetto delle best practices comunemente seguite e dell’ambiente in cui è collocato SQL Server, sistema operativo ed hypervisor per primi.

 


Analisi automatiche

I dati raccolti vengono memorizzati sul nostro server e, successivamente,  su questi dati vengono applicate delle logiche automatiche di analisi in grado di generare una serie di raccomandazioni (quali rilevazione di problematiche o situazioni anomale) e suggerimenti per poter mantenere in buono stato di salute l’intero sistema. Tali considerazioni vengono poi inviate via mail all'utente, con frequenza giornaliera e mensile, al fine di renderlo sempre consapevole della situazione e istruito su eventuali azioni da intraprendere.


Da una parte quindi dbRelief, al pari di uno strumento di monitoraggio, è in grado di raccogliere e memorizzare una grossa quantità di dati relativi ad un’istanza, grazie all'istantanea giornaliera che viene eseguita. Risulta quindi più leggero di uno strumento di monitoraggio in quanto esegue le query diagnostiche una sola volta al giorno, rinunciando di contro ad avere un controllo puntuale su tutta la giornata.


Tali dati poi, essendo memorizzati sul nostro server, rappresentano uno storico sullo stato di salute dell’istanza, garantendo quindi un controllo molto più continuativo rispetto ad un classico Health Check.

 


Suggerimenti e raccomandazioni

Similmente ad uno strumento di Health Check, le raccomandazioni e i suggerimenti che dbRelief di volta in volta invia all’utente permettono di superare il limite dell’interpretazione dei dati raccolti.  Sarà dbRelief stesso, con le sue logiche automatiche e le sue raccomandazioni, a dare semantica ai dati raccolti e presentati all’utente.



Conclusioni

Dopo aver visto come si colloca dbRelief nel panorama dei servizi per il monitoraggio ed il controllo dello stato di salute delle istanze, nel prossimo appuntamento andremo a scoprire come funziona il servizio e quali sono i passi da seguire per iniziare a controllare la corretta configurazione delle tue istanze SQL Server.


di Matteo Dal Bianco, pubblicato il 6 agosto 2020.

Prova subito dbRelief, richiedi la trial gratuita.

Trial dbRelief