Vita da BI, le fasi 2 e 3: identificazione ed elaborazione dei dati

Di Thomas Tolio del 12 giugno 2019

Identificare l’origine dei dati 
Le fonti dei dati aziendali sono le più disparate. Gli esempi più comuni sono le basi di dati, i fogli di calcolo e i documenti di testo, ma non c’è limite alla fantasia che un’azienda può avere nell’immagazzinare le informazioni che riguardano la propria attività.

Quando un utente avanza una richiesta per la Business Intelligence, l’analista BI deve poter conoscere dove si trovano i dati che dovrà poi rielaborare. 

La stragrande maggioranza dei dati sono immagazzinati nei database, ma serve sapere l’esatta fonte (o fonti) interna alla base dati per poter procedere a quella che viene chiamata estrazione dei dati.

Molto spesso gli utenti hanno una conoscenza vaga dell’origine dei dati: in questi casi purtroppo non c’è molto da fare se non iniziare una vera e propria caccia al dato, dove la conoscenza funzionale dello stesso è fondamentale per riconoscere qual è la giusta origine.

 

Elaborare i dati
Rielaborazione è un termine decisamente riduttivo per indicare ciò a cui vengono realmente sottoposti i dati estratti dal sistema informativo aziendale. Per semplicità di spiegazione...


Vuoi continuare la lettura di Vita da BI?
Scarica subito l'ebook gratuito.

 

 

Categorie: Business Intelligence, Guide

Iscriviti alla nostra Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo database e business intelligence.

Iscriviti